marketing

Appunti di marketing: linee guida per redigere un piano di comunicazione, concept e look&feel

12 Mar , 2013  

CONCEPT DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

  1. Come si intende strutturare operativamente la campagna di comunicazione (online e offline in ottica di comunicazione integrata) e cosa si vuole comunicare (declinare tutti e 11 i punti previsti dalla copy strategy) così da raggiungere gli obiettivi markom?
  2. Il pay-off (prendere spunto dalla value preposition) della campagna che sarà  sempre presentato con il brand creato/utilizzato.

LOOK&FEEL (sarebbe il visual: immagini, colori, font, grafica)

  1. Visual della campagna di comunicazione. Per visual si intende la gabbia grafica che raggruppa tutti gli elementi visivi che saranno utilizzati per comunicare. Sviluppare delle bozze da consegnare in azienda.
  2. Testo della campagna di comunicazione così declinato:

a) headline: esprime con un sintetico slogan l’idea creativa che è alla base della campagna. Potrebbe essere il titolo della nostra comunicazione.

b) body copy: parte argomentativa. Spiega con un testo quanto dichiarato nell’headline.

c) pay-off: affermazione rafforzativa di quello che voglio comunicare (es. l’identità  del brand), solitamente posta sotto il logo.

d) Immagini.

  1. Storyboard: solo per i video. Disegni di scenette così da far comprendere al cliente l’idea del video che si propone di realizzare (Cinematrix è il software che vi può aiutare nella realizzazione dello storyboard).
  2. Pianificazione media: dove comunicare online e offline e quando. Es. l’elenco di tutti i media(giornali, radio,web, ..) con le tempistiche di quando uscirà al target la comunicazione (es. pagina pubblicitaria). Trattasi di una semplice tabella.

PUBBLICITA’

<Steiner> E’ dalla conoscenza del prodotto che può scaturire l’azione pubblicitaria in senso davvero contemporaneo. Non una pubblicità  di slogan o di trovatine qualunquiste. Il mio primo compito è di capire i pregi, le qualità  del prodotto, conoscere l’impegno di chi lo produce, del tecnico che lo concepisce e lo elabora, dell’operaio che lo lavora. La mia opera va nel senso stesso della produzione, non verso la speculazione ma verso la fruizione, l’uso corrente di quello che è un nostro diritto nella civiltà  industriale.

Ti è piaciuto il post? Votami su: Google Plus

By  



Lascia un commento

Iscriviti al blog tramite e-mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: