marketing

Appunti di marketing – linee guida per redigere un piano di comunicazione – il brief

10 Mar , 2013  

Il punto di partenza è il brief che l’azienda deve consegnare all’agenzia.

Per aiutarvi a redigere il BRIEF,  troverete un elenco di domande a cui far rispondere l’azienda. Sono domande anche generali ma che sono in grado di dare un’idea abbastanza precisa di chi è l’azienda cliente e quali siano le sue necessità .

  1. Cosa vuoi comunicare: di che prodotto/servizio stiamo parlando (n.modelli, collezioni, tipologia, altro)?
  2. Come è fatto il prodotto/servizio (attributi, specifiche, materiali, colori, lavorazioni)?
  3. Presenza di lavorazioni particolari e distintive, quali?
  4. Quali sono le occasioni d’uso del prodotto/servizio da parte del target
  5. Quali sono gli elementi di differenziazione del prodotto/servizio rispetto ai competitors? Per cosa mi differenzio dai competitors?
  6. Quali sono i bisogni che il prodotto/servizio soddisfa nel target?
  7. Competitors (da chi si vogliono guadagnare quote di mercato)?
  8. Posizionamento in Italia: mercato(canale)-prodotto vs. competitors. Per il posizionamento è utile sviluppare una mappa. Es. mercato=GDO e variabili di posizionamento: prezzo e estensione gamma sul lineare
  9. Posizionamento Estero vs, competitors
  10. Swot del prodotto/servizio rispetto ai principali competitors. A tal fine ecco lo schema da compilare:
SWOT sul prodotto
ELENCO COMPETITORS PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA
Siemens x x
Sony x x
Io x x
  1. Punti di forza e di debolezza del brand rispetto ai principali competitors
  2. Brand Identity (c’è un manuale?)
  3. Target (primario, secondario, media, influenzatori)
  4. Budget
  5. Obiettivi di Comunicazione su target/s: brand knowledge, desiderabilità  della marca, awareness (notorietà  e riconoscibilità), incremento delle brand association, positività  della brand association, incremento del raggio d’azione della marca, fidelizzazione alla marca, altro
  6. Obiettivi di marketing: incremento delle quote di mercato, economie di scala e di apprendimento, altro.

 

Il briefing viene portato in agenzia e servirà  a creare la copy strategy, concept e look&feel della compagna di comunicazione.

 

 

Ti è piaciuto il post? Votalo su: Google  Plus

Ti è piaciuto il post? Votami su: Google Plus

In sintesi
Titolo
Il brief nel piano di comunicazione
Descrizione
Come redigere il il brief nel piano di comunicazione. Appunti di marketing - linee guida per redigere un piano di comunicazione.
Autore
caffebollenteintazzagrossa.it

By  



Lascia un commento

Iscriviti al blog tramite e-mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: