marketing

Influenzatori: andiamo a caccia nel web

7 Ago , 2018  

A caccia di influenzatori nel web

influenzatoriGrafo Social Network Analysis. Trovare gli influenzatori

Grafo Social Network Analysis

Andiamo a caccia di influenzatori nelle Reti Sociali presenti nel web. Ogni reti Sociale presenta una struttura fatta di nodi e di relazioni. Gli abitanti della Rete Sociale, sono detti Nodi, mentre le Relazioni fra i nodi sono chiamate legami. L’insieme dei nodi e dei legami prende il nome di Rete Sociale (network) la cui rappresentazione grafica prende il nome di Grafo.

Per il fine dello studio, ossia quello di individuare gli influenzatori, è rilevante studiare i legami che per semplicità chiameremo “relazioni”. Troveremo delle relazioni in ingresso e in uscita. Più relazioni ha un nodo in ingresso e maggiore sarà la sua popolarità all’interno di quella specifica Rete Sociale inoltre, sempre considerando le relazioni in ingresso, più relazioni ha un nodo ha in ingresso da parte di nodi ritenuti autorevoli dalla rete sociale, e più influenzante sarà considerato da quella specifica rete sociale. Ecco trovato il nodo influenzatore con cui instaurare una collaborazione per promuovere l’offerta aziendale. More…

marketing

La figura dell’influenzatore ci può aiutare

6 Ago , 2018  

La figura dell’influenzatore

La figura dell’influenzatore ci può aiutare a convincere e promuovere la nostra offerta aziendale. Il punto di partenza è sempre il processo d’acquisto.

influenzatori

influenzatori

Esiste però all’interno del processo d’acquisto un momento preciso, un preciso momento in cui la funzione comunicazione può fare la differenza. E’ stato trattato nella fase 3 del Comb Model. Proprio quando l’utente valuta le alternative. È in questo momento che la funzione comunicazione può fare la differenza. Questo succede quando ci si avvale dell’aiuto della figura nota come influenzatore. More…

marketing

Come aggiornare la funzione comunicazione con il Comb Model

5 Ago , 2018  

E’ possibile aggiornare la funzione comunicazione con il Comb Model. Il modello prevede un modo innovativo ma strutturato, per aggiornare la funzione comunicazione d’impresa, che sarà attiva in ognuna delle cinque fasi del processo d’acquisto.

Il Comb Model

Il Comb Model è strutturato in fasi, e accosta per ogni fase del processo di acquisto(PDA) la risposta relazionale della funzione comunicazione(FC). Vediamole:

Comb Model, modello a pettine

Comb Model

Comb Model – fase1
PDA: l’utente identifica un problema
La funzione comunicazione risponde con una comunicazione di tipo Corporate. Presenta al mercato la propria missione, visione e valori d’impresa, con l’intento di creare nella mente del consumatore una specifica immagine d’azienda, il più possibile positiva.

Comb Model – fase2
PDA: l’utente ricerca informazioni
Maggiore è il coinvolgimento del consumatore verso l’acquisto che deve fare, e più tempo trascorrerà ad acquisire informazioni. A tal proposito il consumatore si troverà a dover affrontare il rischio percepito noto come l’incertezza sulla portata delle conseguenze, derivanti dalla scelta da compiere.
Per ridurre il rischio percepito prima della decisione d’acquisto, il cliente ricorre all’informazione nelle sue varie forme: fonti di natura personale (amici, famiglia, vicini, opinion leader o passa parola), fonti commerciali (pubblicità, venditori e cataloghi), fonti pubbliche (test compartivi e pubblicazioni ufficiali), fonti legate all’esperienza (prove, verifiche ed esami del prodotto). Il ricorso alle fonti sarà tanto più importante quanto più alto è il rischio percepito. Il web fa da padrona come luogo di informazione.

Per ridurre il rischio percepito, il cliente ricorre all’informazione nelle sue varie forme. Il web fa da padrona come luogo di informazione.

La funzione comunicazione può attivarsi con una comunicazione di marketing orientata a presentare a specifici consumatori non più i valori, ma i quattro argomenti previsti nelle quattro leve del marketing mix: cosa può risolvere il problema e quanto costa, dove comperare e quali sono i vantaggi dell’offerta aziendale. More…

marketing

Il processo d’acquisto è il nocciolo della questione

4 Ago , 2018  

Il web è luogo di relazioni, virtuali. Esso consegna all’utente tutta una serie di strumenti che gli consentono di dar vita e protrarre nel tempo relazioni non solo di tipo “one to one” ma soprattutto di tipo “one to many” e “many to many”. Il Web, con i suoi strumenti, è utili alle imprese proprio per seguire il cliente nel arco dell’intero processo di acquisto e anche dopo che l’acquisto è avvenuto. Il Web è il luogo che può essere sfruttato proprio per creare, mantenere e monitorare la relazione con i clienti.

Il Web è luogo virtuale di relazioni che l’impresa può sfruttare per creare, mantenere e monitorare le relazioni con i clienti.

More…

marketing

Il cliente è sempre meno fedele

3 Ago , 2018  

I contesti di mercato per le imprese, oggi sono diventati mutevoli, globali e estremamente competitivi. I mercati presentano sempre più attori coinvolti, infinite offerte di prodotti succedanei e una pressione di marketing esagerata che sottomette i consumatori a un eccesso di stimoli. Le imprese che vogliono sopravvivere devono adattare il loro modello di business, a tutti questi mutamenti. Oggetto d’analisi dell’articolo è la sola funzione comunicazione, per giungere a presentare una proposta di aggiornamento.

In questi anni quello che si nota è un aumento del grado di abbandono del cliente al brand aziendale. Le imprese hanno iniziato a capire come il cliente non “sia per la

tasso di fidelizzazione del cliente

tasso di fidelizzazione del cliente

vita” infatti, il tasso di fidelizzazione del cliente si è notevolmente ridotto. Rimane però stabile un’antica regola del marketing relazionale: “Costa di più dar vita ad un nuovo cliente, che mantenerne in vita uno già esistente”.

 

 

 

 

costa di più dar vita ad un nuovo cliente che mantenerne in vita uno già esistente.

Ciò che si è sfaldato, con il passare del tempo, che ha creato questa “volatilità” nelle scelte dei consumatori, è la relazione fra la singola impresa e il consumatore. La causa è sicuramente l’eccessiva promozione e pubblicità, a cui tutti noi siamo sottomessi, che convince a cambiare idea nelle scelte e gusti d’acquisto a discapito della fedeltà.

More…

Il mondo secondo me

Fake news, svelati i segreti delle bufale online

31 Lug , 2018  

fakenews creare bufale online

Svelati i segreti delle bufale online. A parlare è stato Alvaro Porfido, professione studente e guru delle fake news italiane. In ambito hoax ha scritto su: giomale, fattoquotidaino.it, corrieredellanotte, e per un breve periodo sul ilmattoquotidiano. Si definisce un ragazzo sincero.

Oggi parliamo di HOAX ossia in Internet, una notizia del tutto priva di fondamento diffusa per burla, in genere con l’intento di creare allarme cit. Wikipedia. Diamo spazio all’intervista con Alvaro per capire e comprendere meglio questo fenomeno che oggi è salito alla ribalta: le fake news.

Sono un ragazzo sincero.  cit. Alvaro Porfido

More…

marketing

Come promuovere gli integratori online

18 Lug , 2018  

Promuovere gli integratori online è possibile anche se la concorrenza è estremamente agguerrita infatti, con la social network analysis, possiamo trovare una finestra aperta e ancora poco sfruttata dalla concorrenza che permette di raggiungere una buona pressione di marketing, impiegando un budget ridotto. Ho trovato un sistema che è in grado di fare la differenza.

La Keyword integratori è una summer keyword

È proprio vero, la keyword integratori è una summer keyword ed ogni anno mi sorprende. Proprio nei mesi estivi aumenta il suo tasso di ricerca nel motore Google. Un po’ come succede per la keyword: occhiali da sole.integratori social network analysis

Se andiamo ad analizzare le statistiche, anche del solo mese di luglio 2018, scopriamo che, online, si è visto un aumento dei tassi di ricerca inoltre, gli utenti, ricercano anche i seguenti argomenti affini: Calcio, Curcuma, Amminoacidi ramificati, Mannosio, Carboidrati. More…

Il mondo secondo me

Segmentazione e marketing mix

23 Mar , 2018  

segmentazione-marketing-mix

Cosa sono segmentazione e marketing mix

Se lavorate nel marketing dovreste saperlo cosa sono segmentazione e marketing mix anche se nella realtà non è così frequente. Se state decidendo di aprire una vostra realtà imprenditoriale, è fondamentale se non volete “rischiare il fallimento a breve” conoscere il tema. A tal fine, voglio proporvi una sintesi che spero possa darvi qualche input utile.

segmentazione-marketing-mix

Segmentazione e marketing mix. Scarica le slide che ti spiegano come segmentare

La segmentazione del mercato

La segmentazione del mercato è una delle prime decisioni strategiche che l’impresa deve prendere. Ha attinenza con l’identificazione del mercato di riferimento e alla scelta dei segmenti dei clienti target.

Questa scelta comporta innanzitutto la scomposizione del mercato totale in sottoinsiemi di clienti omogenei in termini di bisogni, di comportamenti e di motivazioni d’acquisto. L’impresa puoi scegliere di rivolgersi al mercato nel suo complesso o di concentrarsi su uno o più segmenti del mercato di riferimento.

Nella maggior parte dei mercati è praticamente impossibile soddisfare tutti i clienti con un unico prodotto servizio, ecco che le imprese sono spinte quindi ad abbandonare sempre più le strategie di marketing di massa per evolvere verso strategie di marketing mirate a uno o più gruppi di clienti. Quando si identificano i consumatori target, di fatto si realizza la segmentazione del mercato, che non è altro che la disaggregazione in sottoinsiemi omogenei dal punto di vista delle aspettative e dei comportamenti di acquisto.

 

 

Sapere come segmentare un mercato è uno dei requisiti più importanti che un’impresa deve possedere. La segmentazione definisce infatti il campo di attività dell’impresa guida lo sviluppo della strategia determina la tipologia di competenze necessarie delle unità di business.

More…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: